STUDIO DELLE VARIAZIONI MICROSTRUTTURALI DURANTE LA DEFORMAZIONE A CALDO DELLA LEGA Al-4.5%Zn-1.8%Mg

  • M. El Mehtedi
  • S. Spigarelli
  • E. Evangelista

Abstract

La lavorabilità a caldo a 500°C di una lega Al-4.5%Zn-1.8%Mg, è stata studiata utilizzando prove di torsione condotte secondo una nuova procedura (a velocità crescente di deformazione) che prevedeva una variazione lineare della velocità angolare ø secondo la legge ø =Kè in cui è era l’angolo di rotazione. In particolare sono state condotte prove con valori di K variabili fra 0.05 e 2 s-1. A titolo di confronto sono state quindi condotte prove di torsione con velocità di deformazione costante. Le curve tensione equivalente - deformazione equivalente per le prove condotte a velocità crescente erano caratterizzate da un aumento monotonico della tensione con la deformazione, senza che si arrivasse ad un regime di saturazione. Le curve ottenute con velocità di deformazione costante a 500°C erano caratterizzate invece da un aumento della tensione fino ad un valore di picco seguito da una modesta diminuzione della tensione di flusso che raggiungeva successivamente il valore stazionario, comportamento tipico dei materiali che non esibiscono ricristallizzazione dinamica. Comunque questa semplice analisi qualitativa della forma delle curve tensione-deformazione non poteva essere considerata un prova conclusiva per escludere l’instaurarsi della ricristallizzazione dinamica. La microstruttura dei campioni deformati è stata analizzata tramite le usuali tecniche di microscopia ottica ed elettronica in scansione SEM/EBSD.
Published
2007-09-02
Section
Memorie